Incontro Missionario: 26 febbraio 2019

I Gruppi Missionari parrocchiali del Decanato di Tradate e i Missionari Comboniani organizzano, MARTEDI’ 26 febbraio 2019, una serata di preghiera, riflessione, convivialità, sul tema:

SICUREZZA: desiderio umano in un contesto di paure.
Una riflessione sul senso del vivere

Luogo dell’incontro: Oratorio Parrocchia S. Alessandro – Mozzate (CO)

Relatore:

Don WALTER MAGNONI (responsabile del Servizio per la pastorale sociale e il lavoro della Diocesi di Milano)

Programma dell’incontro:
– ore 19.30 Cena comunitaria (La cena sarà condivisa con quello che sarà portato dai partecipanti)
ore 20.45 Momento di preghiera
– ore 21.00 Conferenza

L’incontro sarà preceduto dalla celebrazione della S.Messa Missionaria nella chiesa parrocchiale di Mozzate alle ore 11 di domenica 24 febbraio

Vedi locandina dell’incontro

Annunci

Nuovo restauro al museo della Collegiata

Domenica 24 febbraio 2019 (ore 16.00) sarà presentato il restauro del dipinto Sacra Famiglia con Santa Caterina da Siena, condotto da Isabella Pirola sotto la direzione di Ilaria Bruno della Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio di Milano.

Alla presenza di san Giuseppe, in piedi davanti al muro aperto verso un cielo rosato, la Vergine, seduta su un trono dall’aspetto semplice, regge il Bambino che benedice santa Caterina da Siena, con in mano il giglio e un piccolo cuore. Proprio dal cuore è nato il restauro di quest’opera magnifica, quale dono di Roberto alla moglie Vittoria, entrambi amanti dell’arte e legati da affetto al Museo della Collegiata.

L’intervento ha recuperato e reso pienamente leggibile l’interessante tavoletta, nuovamente esposta nella Sala “Adele e Franco Mazzucchelli” del Museo: dopo il consolidamento, l’opera è stata sottoposta a pulitura, consentendo di riportare alla luce vivaci valori cromatici. Questa operazione, insieme all’integrazione delle lacune, ha permesso di apprezzare alcuni particolari prima poco visibili, come la corona di spine sul capo di santa Caterina e il cuore nella sua mano. Si narra infatti che, mentre Caterina pregava “In me crea, o Dio, un cuore puro”, le apparve Cristo che le prese il cuore. Quindi Gesù ritornò portandone uno vermiglio che le infilò nel petto dicendo: “Ora ti do il mio cuore con il quale sempre vivrai”.

5° incontro “Non viviamo un’epoca di cambiamento ma un cambiamento d’epoca” – 13 febbraio 2019

Comunità Pastorale del Santo Crocifisso – Tradate

Con il patrocinio del Comune di Tradate

Il Quinto incontro del ciclo “Non viviamo un’epoca di cambiamento ma un cambiamento d’epoca” avrà per titolo:

“La terza guerra mondiale a macchia di leopardo”

La responsabilità per la pace

Mercoledì 13 febbraio 2019 – alle ore 21,00

presso Sala grande in Villa Truffini a Tradate

Relatore: Raoul CARUSO, Docente di elementi di Economia internazionale presso l’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano.

vd locandina 5° incontro

 

A Venegono una serata per pensare l’Europa

I GIOVANI, LA POLITICA, L’EUROPA: è questo il titolo dato all’incontro pubblico organizzato dal GIM (giovani Impegno Missionario) e dall’Azione Cattolica Ambrosiana per sabato 19 gennaio 2019 alle 19.30 presso la comunità dei Missionari Comboniani in via della missione 12 a Venegono Superiore.

Visualizzazione di kienge.jpg

L’incontro si colloca all’interno del cammino di formazione GIM che quest’anno ha come tema di fondo le scelte di vita. Precedentemente hanno partecipato agli incontri Nello Scavo (Giornalista e reporter di Avvenire), Benedetta Collini (attivista di SOS Mediterranee) e, in collegamento skype, l’avvocato Alessandra Ballerini.

Tante le domande che fanno da panno di fondo al dibattito: la politica è una scelta di vita? Che cosa significa e come parlare di politica oggi ai giovani? I giovani, i millenials, forse, prima che sentirsi cittadini italiani, si sentono oggi cittadini europei. La attuale struttura politico amministrativa dell’Europa risponde a questo sentirsi Europei dei giovani di oggi? Quale futuro per l’ Europa.

A queste e ad altre domande che potranno sorgere durante l’incontro tenteranno di dare una risposta ANNA ZAMBON, giovane studente di scienze politiche, consigliera comunale di Gallarate e giovane di Azione Cattolica e CECILE KYENGE, europarlamentare, già ministra dell’integrazione.

Una caratteristica, che sempre più si è consolidata con il tempo, degli incontri GIM del sabato sera è la famigliarità e l’informalità. La scelta è quella di terminare la serata con una cena condivisa (quindi chi partecipa porta qualcosa da mangiare o da bere per se e per un’altra persona) e, per chi lo desidera, con un momento di preghiera prima dei saluti.

Una opportunità in più, offerta dal mese di gennaio è la possibilità di visitare (per chi ancora non lo avesse fatto) il presepe preparato come ogni anno, da più di 65 anni ormai, dai missionari comboniani e dai volontari, che ha come tema quest’anno il sinodo diocesano “DALLE GENTI” celebrato dall’arcidiocesi di Milano.

4° incontro “Non viviamo un’epoca di cambiamento ma un cambiamento d’epoca” – 16 gennaio 2019

Comunità Pastorale del Santo Crocifisso – Tradate

Con il patrocinio del Comune di Tradate

Il Quarto incontro del ciclo “Non viviamo un’epoca di cambiamento ma un cambiamento d’epoca avrà per titolo:

In una società dei contrasti

la Chiesa “ospedale da campo”

L’impegno sociale in un mondo di disparità crescenti.

—–

Mercoledì 16 gennaio 2019 – alle ore 21,00

presso Sala grande in Villa Truffini a Tradate

Relatrice: Silvia LANDRA, Psichiatra, Presidente dell’Azione Cattolica Ambrosiana e collaboratrice della Casa della Carità di Milano.

vd locandina 4° incontro 

LA LEVATRICE INCREDULA NELLE NATIVITÀ da Masolino a Rubens – conferenza-visita

conferenza levatrice masolino volantinoVenerdì 4 gennaio 2019 (ore 15) si svolgerà presso il Museo della Collegiata di Castiglione Olona la conferenza-visita, a cura di Laura Marazzi, dal titolo LA LEVATRICE INCREDULA NELLE NATIVITÀ da Masolino a Rubens, dedicata a un interessante personaggio, presente unicamente nel racconto dei vangeli apocrifi.

Si narra che una delle levatrici, chiamate da Giuseppe perché assistessero Maria nel parto, giunse quando Gesù era ormai nato; non credendo che una vergine avesse partorito, la donna volle accertare l’intatta purezza della Madonna; immediatamente la sua mano si paralizzò e solo quando, pentita, toccò il Bambino, riguadagnò la salute.

Nella Natività di Masolino la Vergine adora il neonato Gesù, nudo perché sia mostrata la sua umanità, e sfolgorante di luce, come si addice a un dio; verso di lui si curva la levatrice incredula, che avvicina la mano al suo salvatore: presto sarà la prima miracolata, almeno secondo la tradizione apocrifa. Nell’eccezionale Natività in Santa Maria Foris Portas a Castelseprio, la levatrice solleva il braccio inerte, sostenendolo con l’altro e invoca, quasi mendicandola, la guarigione. A partire da questi esempi vicini, si andrà alla scoperta di capolavori in cui compare questa insolita figura, giungendo fino alle soglie del Seicento con la Natività di Rubens, oggi nella Pinacoteca Civica di Fermo.